[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

[Nonviolenza] La decimazione. Un appello (con preghiera di diffusione)



 

LA DECIMAZIONE. UN APPELLO

 

A circa il dieci per cento della reale popolazione italiana e' negato il diritto di voto.

E questo permette a minuscole e ripugnanti organizzazioni razziste - e dietro e al di sopra di esse ad un padronato che coltiva l'ideale della riduzione in schiavitu' della forza-lavoro - di influenzare in misura determinante la politica italiana e la stessa legislazione, imponendo a un abitante su dieci del nostro paese scandalose vessazioni, infami persecuzioni, fino ad arrivare alla vera e propria schiavitu', e degradando cosi' il nostro paese da democrazia a regime segregativo, insozzando e corrompendo la vita civile, infine effettualmente aggredendo e soffocando la liberta' di tutte e tutti.

Il resto della popolazione, perlopiu' affetto da cecita' volontaria, sembra non accorgersi neppure che un abitante su dieci del nostro paese subisce quotidianamente una brutale umiliazione, una selvaggia violenza, la denegazione di fondamentali diritti.

*

E' innanzitutto con il diritto di voto che si contrasta il razzismo, che si contrasta la violenza, che si realizza la civile convivenza: contare le teste invece di romperle.

Conta certo offrire un tozzo di pane all'affamato, ma se a una persona si nega la dignita' umana, se si nega l'eguaglianza di diritti, anche quel tozzo di pane e' avvelenato. Ed un abitante su dieci del nostro paese e' effettualmente tenuto in una condizione di sottomissione all'altrui proterva volonta', alla volonta' di una cricca di malvagi e di sfruttatori.

Un abitante su dieci del nostro paese e' quotidianamente, strutturalmente, inesorabilmente privato del primo diritto di ogni persona in un paese democratico; ed essendo privato di questo diritto non ha reale e piena difesa da tutti gli altri abusi.

*

Queste persone, un abitante su dieci del nostro paese, dovrebbero avere diritto ad eleggere rappresentanti in tutte le istituzioni (e quindi anche ad eleggere almeno cento parlamentari), dovrebbero avere diritto ad essere elette in tutte le sedi dove si delibera per tutti, dovrebbero avere diritto ad avere voce nelle decisioni pubbliche.

Pagano le tasse, ma non possono votare: e' con il motto "No taxation without representation" che comincio' la rivoluzione americana che diede inizio al tempo delle rivoluzioni democratiche; in Italia oggi un abitante su dieci e' tenuto nello stato di soggezione contro cui insorsero quei sudditi che si vollero cittadini.

Vivono qui, ma non hanno il diritto di far valere il loro voto su cio' che riguarda le loro vite: ma e' il principio "una persona, un voto" che decide se un paese e' o non e' democratico; in Italia oggi un abitante su dieci e' privato di questo diritto.

E' con il motto "Una persona, un voto" che ovunque nel mondo l'umanita' insorge contro le dittature.

*

C'e' un appello, primi firmatari padre Alessandro Zanotelli e la partigiana e senatrice emerita Lidia Menapace, che chiede a tutte le persone di volonta' buona, all'Italia civile, un impegno comune affinche' finalmente si adempia la prima premessa e la prima promessa della Costituzione repubblicana posta a fondamento del nostro ordinamento giuridico: "la sovranita' appartiene al popolo". Se il popolo subisce una decimazione, se una persona su dieci e' esclusa dalla concreta partecipazione alla repubblica, la Costituzione antifascista e' tradita. Ma la Costituzione e' il presidio delle nostre comuni liberta', essa va difesa e inverata: cessi dunque la barbarie della decimazione, cessi la pratica razzista e segregativa, si realizzi la volonta' dei martiri della Resistenza.

In quell'appello all'Italia civile e' scritto:

"Il fondamento della democrazia e' il principio Una persona, un voto; l'Italia essendo una repubblica democratica non puo' continuare a negare il primo diritto democratico a milioni di persone che vivono stabilmente qui.

"Vivono stabilmente in Italia oltre cinque milioni di persone non native, che qui risiedono, qui lavorano, qui pagano le tasse, qui mandano a scuola i loro figli che crescono nella lingua e nella cultura del nostro paese; queste persone rispettano le nostre leggi, contribuiscono intensamente alla nostra economia, contribuiscono in misura determinante a sostenere il nostro sistema pensionistico, contribuiscono in modo decisivo ad impedire il declino demografico del nostro paese; sono insomma milioni di nostri effettivi conterranei che arrecano all'Italia ingenti benefici ma che tuttora sono privi del diritto di contribuire alle decisioni pubbliche che anche le loro vite riguardano.

"Una persona, un voto. Il momento e' ora".

A questo appello hanno aderito numerosissime persone, e tra esse gia' 140 tra deputati e senatori in carica, che di qui a qualche settimana o qualche mese dovranno deliberare la nuova legge elettorale.

Sia finalmente legge il principio "una persona, un voto".

Lo dico anche a tante brave persone che esitano ad aprire gli occhi: occorre uscire dalla logica dell'elemosina e del patronato, dalla relazione di disparita' e dominazione, ed entrare nella logica dell'universalita' dei diritti e del pieno riconoscimento di dignita', nella relazione dell'eguaglianza di diritti e della solidarieta' tra pari.

Cessi l'anacronistico e infame apartheid elettorale nel nostro paese; sia riconosciuto a tutte le persone che vivono in Italia il primo diritto democratico, senza del quale un paese cessa di essere democratico: il diritto di voto.

Una persona, un voto. Semplicemente.

*

Per aderire all'appello: centropacevt at gmail.com, crpviterbo at yahoo.it

Per dare notizia delle adesioni ai presidenti del Parlamento:

- on. Laura Boldrini, Presidente della Camera: laura.boldrini at camera.it

- on. Pietro Grasso, Presidente del Senato: pietro.grasso at senato.it

 

Peppe Sini

 

Viterbo, 28 agosto 2017

 

Mittente: Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt at gmail.com

 

* * *

 

Una minima notizia sull'estensore di questa lettera

Peppe Sini ha fondato negli anni '70 del secolo scorso il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo. Negli anni '80 ha coordinato in Italia la principale campagna di solidarieta' con Nelson Mandela allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Ha organizzato il primo convegno nazionale di studi su Primo Levi all'indomani della scomparsa del grande testimone della dignita' umana. Dal 2000 redige il notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e' in cammino". Coordina l'iniziativa dell'appello all'Italia civile "Una persona, un voto" di cui sono primi firmatari padre Alessandro Zanotelli e la partigiana e senatrice emerita Lidia Menapace, appello al quale hanno gia' aderito oltre a migliaia di cittadini anche centoquaranta parlamentari di varie forze politiche. Crede che ogni essere umano abbia diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'.

 

* * *