[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

appello urgente



Il progetto Supportolegale - nato dalla volontà di alcuni mediattivisti che
partecipano alla rete di Indymedia e di attivisti di tutta Italia -
continua ad esistere e a lavorare con grande attenzione per sostenere la
Segreteria Legale e gli avvocati impegnati nei processi relativi al g8 di
Genova (incluso quello di Cosenza) e ai fatti di Napoli del marzo 2001.

Il gruppo di attivisti che lo porta avanti sta lavorando sodo, sia sulla
comunicazione e l'informazione che sugli aspetti più strettamente tecnici
ed economici.
Da tre anni la Segreteria Legale di Genova, insieme agli avvocati del
Genova Legal Forum - e da maggio, ormai, con l'assist tecnico-economico di
Supportolegale - ha ottenuto risultati importanti. Tra gli altri, il rinvio
a giudizio dei 28 poliziotti della Diaz, la scoperta dell'uso di spranghe
al posto dei manganelli di ordinanza da parte delle forze dell'ordine, la
conferma del drammatico errore relativo alla prima carica in via Tolemaide.
Questi risultati sono tati ottenuti grazie ad un lavoro serio, sistematico
e minuzioso. La mole di materiale e il numero dei processi fanno sì che il
lavoro sia stato, in questi mesi, tantissimo. La continuazione dei processi
e l'apertura di un terzo grande troncone -
quello relativo alle torture avvenute nella caserma di Bolzaneto - faranno
sì che diventi ancora più impegnativo.
Ma il lavoro della Segreteria Legale costa molti soldi, circa 12.000 euro
al mese. Chi per mandato, fino a pochi mesi fa, raccoglieva soldi per i
processi - il Comitato "Verità e Giustizia per Genova" - non riesce a
raccoglierne a sufficienza.
Supportolegale ha avviato una serie di campagne di raccolta fondi, versando
integralmente il ricavato al GLF per il lavoro della Segreteria Legale e le
spese processuali. Ma nemmeno questo basta.
Non bastano gli sforzi, le donazioni grandi e piccole degli attivisti che
in tutta Italia seguono i processi. È necessario che tutti coloro che a
Genova sono stati o che su Genova hanno costruito carriere politiche,
ricomincino a preoccuparsi dei processi che Genova lascia dietro di sé.
Tutte gli individui, le associazioni, i partiti, gli artisti, le
organizzazioni e i gruppi politici che hanno partecipato a quel movimento
di persone e idee devono aver bene presente quanto segue: se non
raccogliamo sufficienti soldi ADESSO, la Segreteria Legale chiude. Se
accade questo, finisce da un giorno all'altro tutto il lavoro di difesa e
consulenza compiuto fino ad ora.
Questo significa che 26 persone saranno probabilmente condannate ad anni e
anni di carcere con l'accusa di devastazione e saccheggio; che i pestati, i
torturati alla Diaz e a Bolzaneto, non potranno più procedere nella
rivendicazione dei loro diritti e ottenere un risarcimento per i danni
subiti.
Significa che la storia che verrà scritta nei tribunali - quella che ha già
detto che Carlo Giuliani è stato ucciso giustamente - dirà anche che a
Genova i manifestanti HANNO SUBITO IL GIUSTO TRATTAMENTO, dirà che alla
Diaz e a Bolzaneto non è successo nulla di male, nulla di anormale. Non
solo: dirà che molte altre denunce verranno, che molti altri potranno
essere processati con accuse e sentenze esemplari quanto spropositate.
Basti vedere i processi, condotti dai medesimi PM Canepa e Canciani, contro
gli antifascisti milanesi dell'O.R.So., contro Marta, Milo, Orlando e Fede.
Le energie che spingono la rete di solidarietà di Supportolegale sono
concentrate soprattutto sui processi di Genova, ma si snodano anche
altrove, per i processi in corso a Napoli contro le violenze della polizia
alla caserma Raniero, e a Cosenza, dove 13 militanti sono accusati di
"associazione sovversiva".
Noi sosteniamo, collaboriamo, creiamo informazione e offriamo sostegno
tecnico e legale a tutti coloro che sono coinvolti nei processi politici
contro TUTTO il movimento. Supportolegale non pone discrimini. Per noi non
esiste distinzione tra "buoni" e "cattivi".
A Genova eravamo 300.000 sovversivi. Noi lo siamo ancora. Molti lo sono ancora.
Troppe parti di movimento, invece, hanno dimenticato o voluto dimenticare
Genova. A loro chiediamo con forza di ricordare. Sostenere i processi
significa rivendicare la propria storia, per non rischiare che siano altri
a scriverla. Significa assicurarsi una storia futura che non abbia le
proprie fondamenta sulla legittimazione del blitz alla Diaz, dei gas
cancerogeni in piazza, dei pestaggi indiscriminati, delle torture di
Bolzaneto. Per non dimenticare Genova, chi a Genova è stato ucciso, chi è
stato massacrato.
La memoria è un ingranaggio collettivo che, per funzionare, va oliato con
cura. Da tutti.

Per favore, donate sul conto del Genova Legal Forum:
Conto intestato a don Antonio Balletto
banca carige sede centrale
c/c 61359/80
Abi 6175
Cab 1400
swift code CRGEITGG040
Iban IT45 H061 7501 4000 0000 6135 980
causale: supporto legale

NON AVETE SOLDI? CONTRIBUITE IN NATURA!
servono :
computer portatili: pc e un mac

3 HDD esterni usb-fireware

1 scheda di acquisizione dazzle

1 mixer video

monitor grandi e di buona qualita'

floppy, cd, dvd, dv e vhs


per contatti:
comunicazione at supportolegale.org

__________________________
L'autoritarismo ha bisogno
di obbedienza,
la democrazia di
DISOBBEDIENZA____________________________________________________________6X
velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di
Libero!Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it