[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

PRIMO NON NUOCERE - MSF IN ARTE UMANITARIO all'Apollo 11








presentano


PRIMO NON NUOCERE
MEDICI SENZA FRONTIERE IN ARTE UMANITARIO


3-4-5 febbraio 2005
Istituto Galileo Galilei, via Conte Verde 51 - Roma

ingresso gratuito




SEZIONE ESPOSITIVA dalle ore 9:00

Sculture, fotografie, installazioni, pannelli, spot concorrono a
raccontare l'umanitario. Non solo quello di Medici Senza Frontiere e
della sua storia, ma anche quello di uno scultore mozambicano che espone
i suoi lavori; di un regista cinematografico americano che presenta il
suo rapporto con l'AIDS in Africa; di artisti italiani che si
interrogano e ci interrogano. Allestimento di Giancarlo Neri - Apollo 11

MSF: UNA STORIA DI UMANITARIO
la storia di Medici Senza Frontiere e delle sue attività nel mondo
mostra fotografica su grande poster plastificato

24 ANNI DI AFGHANISTAN
i 24 anni di attività di Medici Senza Frontiere in Afghanistan
mostra fotografica

DA ATENE A SPARTA PASSANDO PER BAGDAD
di Anna Minopoli
installazione

ARMI DI PACE
di Gonçalo Mabunda
sculture ricavate da residuati bellici

SPOT PER LA TELEVISIONE
Spot per la televisione (MSF); I promise Africa, di Jerry A. Henry,
Kenia/USA; Esodi Fastidiosi, di Federica Batoli, Italia)

Accompagna le esposizioni
RELIQUIE
di Ricci e Forte
monologo-performance con Anna Gualdo durata 20'
venerdì 4 febbraio ore 19.00



SEZIONE FILMICA dalle ore 19:45

Cortometraggi e documentari di produzione soprattutto straniera
presentano emergenze umanitarie, i luoghi e le persone che le vivono.
Alcuni documentari sono girati dagli stessi "protagonisti" di quelle
vicende; altri sono fiction o cortometraggi realizzati appositamente per
stimolare la riflessione in noi spettatori.
A cura di: Gustav Höfer e Sita Banerjee - Apollo 11

giovedì 3 febbraio
Spotlights on a massacre (Luci su un massacro), Dieci rinomati registi
si uniscono alla campagna antimine accanto ad Handicap International
(Francia - 3 episodi: 12'). Sott. italiano
Uno, nessuno, duecentomila, di Luca Cambi e Francesco Paterno, Alhambra
Factory (Italia - 50')
I promise Africa, di Jerry A. Henry (USA/Kenya - 2')

venerdì 4 febbraio
Spotlights on a massacre (Luci su un massacro), Dieci rinomati registi
si uniscono alla campagna antimine accanto ad Handicap International
(Francia - 4 episodi: 16'). Sott. Italiano
Trois fables a l'usage des blancs en Afrique (Tre fiabe ad uso dei
bianchi in Africa), di Luis Marques e Claude Gnakouri, (Costa
d'Avorio/Francia - 15'). Sott. Italiano
Africa paradis, di Silvestre Amoussou (Benin/Francia - 11'). Sott. Italiano
Intilniri (Incontri), Progetto Yasem - Youth Against Social Exclusion in
Moldova (Giovani contro l'esclusione sociale in Moldova (ICS,
toniCorti), episodio quarto di Slava Balam (Moldova - 14'). Sott. Italiano
I promise Africa, di Jerry A. Henry (USA/Kenya - 2')

sabato 5 febbraio
Spotlights on a massacre (Luci su un massacro), dieci rinomati registi
si uniscono alla campagna antimine accanto ad Handicap International
(Francia - 3 episodi: 12'). Sott. Italiano
Do You Remember Sarajevo (Ti ricordi di Sarajevo), di Sead e Nihad
Kresevljakovic, Nedin Alikadic.
Per la prima volta nella storia delle guerre, la gente comune si è
trovata nella situazione di poter documentare gli eventi attorno a sé
con una videocamera (Sarajevo - 52')



SEZIONE TEATRALE dalle ore 21:00

La cultura degli anni '60, riflette sulla responsabilità collettiva, sul
dovere individuale di contribuire alla tutela dell'"umano"anche dove
guerre, catastrofi, epidemie dilaniano il luogo in cui si vive.
Nasce Medici Senza Frontiere, nasce il suo senso dell'Azione Umanitaria,
che individua operatori, metodologie, protocolli e tecniche, ma
soprattutto etica e responsabilità. Questo è l'inizio del percorso
umanitario per MSF e lo è anche per il pubblico che sarà accompagnato
nel percorso delle tre serate.


giovedì 3 - venerdì 4 - sabato 5 ore 21:00 - 21:20
L'UMANITARIO VISTO DA MEDICI SENZA FRONTIERE
I venti minuti di apertura delle tre serate sono un viaggio in tre
puntate attraverso l'esperienza di Medici Senza Frontiere. Si tratta di
storie e vissuti,ma anche dati, informazioni tecniche, problemi e
difficoltà.
Sono lo strumento con cui il pubblico può essere guidato verso la
seconda parte della serata
Con: Sonia Barbadoro, Lydia Biondi, Estelle marion, Tommaso Ragno
Musiche: Bruno De Franceschi
A cura di: Paolo Castagna


giovedì 3 febbraio ore 21:30 - 22:30
TESTIMONIANZA
Apollo 11 per Medici Senza Frontiere
Ricerca volontaria attraverso l'eredità chemolti anni di operazioni
hanno lasciato alla storia.
Letteratura, ricordi, immagini, lettere e suoni di operatori,
giornalisti, testimoni, gente comune, attori e scrittori.
Incontri/percorsi letti, raccontati, messi in scena, proiettati,
suggeriti e suonati.
È il racconto della poesia, della drammaticità delle situazioni, dei
contesti, dei percorsi di molti... da incontrare e da scoprire con il
desiderio e la volontà di cercare e trovare.

Con:
Flaminia Graziadei, attrice danzatrice regista coreografa fra cinema e
teatro perché si annoia con facilità.
Lucianna De Falco, attrice di cinema teatro e televisione, ha lavorato
tra gli altri con M. Ferreri M. Martone e da sette anni interpreta Dolly
Salvetti in Un posto al sole. Clelia de Vita, psicoterapeuta dell'età
evolutiva, ha studiato canto e pianoforte.
Rossella Zampiron, nata a Venezia si diploma brillantemente in
violoncello studia con importanti maestri quali Brunello, Dindo E
Claret. Salvatore Zambataro, si è diplomato in clarinetto suona la
fisarmonica collabora assiduamente con varie istituzioni tra cui il
Teatro dell'Opera. Massimiliano Grazioso, musicista, clarinettista,
attore, scrive per il teatro Su al Nord nasce qualche anno fa la piccola
Marit Nissen giù al Sud lavora con pesci piccoli e grandi come Corsicato
Anaclerio Verdone Placido Zanasi Bob Wilson Eronico La Pàrola...

Brigida Rossi,  Margaret Scaramella

Raffaella Lebboroni, attrice pigrissima ha lavorato, tra gli altri, con
L. Ronconi, M. Fabbri, S. Benni, P. Virzì, N. Moretti, M. Calopresti, F.
Archibugi, C. Verdone, E. Monteleone, Diego Ribonsuon attore, Omar Lopez
suona la tromba dall'età di 7 e la passione per la musica la deve al
nonno famoso trombettista cubano e suo primo maestro quando non è
impegnato con l'Orchestra di Piazza Vittorio si dedica alla sua band di
fusion-jazz e musica multietnica Sirius). Martina Galluzzi, Marco
Lentini, Lucia Morelli, Soawek Papiez, Tiziano Perrotta sono gli
studenti del Galilei.

Pap Kanutè

Pierfrancesco Favino attore,  Valentina Carnelutti attrice 
(recentemente ne La meglio gioventù di M T Giordana e Tu devi essere il
lupo di Vittorio Moroni) teatro -  radioAutrice di Sfiorati (film in
produzione con il contributo del MiBAC), Maria Edgarda Marcucci
ragazza/donna Sofia Albrigo ragazza/donna.

Mario Tronco, musicista suona e compone per gli Avion Travel, dirige
l'Orchestra di Piazza Vittorio, scrive musica per il teatro e per il
cinema e gioca molto bene a pallone, Alessandra Acciai, diplomata
all'Accademia d'Arte Drammatica è attrice e autrice che riesce ancora a
lavorare. Emanuele Barresi, attore di teatro e cinema, ha lavorato tra
gli altri con Teatro del carretto, P. Virzì, S. Soldini.
Ignazio Oliva, attore documentarista che collabora con l'ong AMANI.

Roberta Sferzi, attrice nata a Milano, vive a Roma, è laureata in
Filosofia con indirizzo estetico, lavora da quasi vent'anni in teatro e
attualmente collabora con i teatri stabili di Roma, Torino e Parma.
Paolo Sassanelli, non è un vip, non è un personaggio famoso e neanche un
personaggio, è semplicemente un attore. Francesco Siciliano, papà di
Viola, ha lavorato con B. Bertolucci, E. Scola, e M. Calopresti, scia
benissimo. Stefano Venturi, attore di teatro e di cinema, ha lavorato
tra gli altri con M. Castri, C. Morganti, M. Calopresti, L. Ligabue.
Ella Catalano, insegnante di Filosofia e Scienze sociali nella scuola
secondaria dove ha promosso e diretto laboratori teatrali ha esperienza
di recitazione cinematografica teatrale e doppiaggio. Ha prodotto un
documentario sull'Esquilino premiato dalla SAS cinema.

Amalia Gré, cantante, compositrice, designer, debutto discografico nel
2003 con il primo album. Marco De Filippis, basso (el, fretless, ac.),
compositore, arrangiatore, fondatore del MusicSHine Network
(musicshine.net) 8 anni a NYC come jazzista Il progetto principale è con
Amalia Gré Anadi "Hagi" Mishra, percussionista "Quando mi chiedono quale
sia il mio strumento preferito, io dico le mani ". Francesca Viscardi
Mary Stuart attrice  regista ed insegnante con esperienza in Italia e
negli USA direttrice artistica del "Free mistake project" lavora anche
come coach personale degli attori Marta Iacopini Queen Elisabeth
Cristina Pedetta Anna Melissa Gava Burleigh Cristina Vignato Paulet,
Leicester Daniele Pio Mortimer

Emilio Solfrizzi è attore di teatro televisione e cinema con E.
Monteleone, C. Comencini, S. Soldini è molto simpatico.  Mimosa Martini
inviata di politica estera del tg5, è stata corrispondente di guerra in
Afghanistan e Iraq, attualmente lavora a Raccontando, programma
giornalistico di canale 5.

Capo Progetto: Dina Capozio
Assistenza Tecnica e musicale: Antonio Vignera
allestimento:  Giancarlo Neri
Consulenza letteraria: Raffaella Lebboroni
Comunicazione: Annamaria Granatello

Regia di: Roberta Lena


venerdì 4 febbraio ore 21:30 - 22:30
CON FUSIONE
1991 in Somalia i marines americani intervengono con l'operazione
Restore Hope, seguono il bombardamento NATO del Kossovo nel 1999,
l'intervento militare in Afghanistan nel 2001 e in Iraq nel 2003;
tutte denominate: guerre umanitarie!
Sempre di più le società devono confrontarsi con la crescente e
pericolosa confusione sul termine "umanitario".
Due attori in scena, Giuseppe Scutellà e Camilla Frontini leggono testi,
articoli sull'argomento accompagnati dal gruppo Tri Muzike, che ospita
il cantante palestinese Faisal Taher, fondendo le tradizioni musicali
dei paesi del Mediterraneo.
A cura di: Ciro Menale

sabato 5 febbraio ore 21:30 - 22:30
"GLI ALLEATI VIAGGIATORI"
Il poeta Giancarlo Majorino immagina una "stupenda torcia" che
falsamente illumina la nostra società, seguita da una "magna forbice"
che sempre di più divide "chi ha ed è da chi non ha e non è".
Gli alleati viaggiatori; una raccolta di poesie di Giancarlo Majorino
lette sulle melodie di Raffaele Brancati (fiati), con la danza di Mavis
Castellanos accompagnata dalle percussioni di Ugo Maiorano (tammorra),
Antonio Pani (tarbuka), Lorenzo Gasperoni (djembe), Kal Dos Santos e
Roberto Quagliarella (congas)."Alleato" d'eccezione: il percussionista
Alfio Antico.
A cura di: Ciro Menale


Per informazioni ulteriori:
Medici Senza Frontiere
Via Volturno, 58 - 00185 Roma
Tel: 06/4486921, fax: 06/44869220
www.medicisenzafrontiere.it
msf at msf.it

------------------------------------------------------------------------
Gli indirizzi E-Mail presenti nel nostro archivio provengono da
richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e
servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati
prelevati. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta. Può
succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in
tal caso basterà inviare una mail a news-unsubscribe at apolloundici.it con
testo e oggetto vuoti.
Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli; laddove ciò avvenisse
ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.








presentano


PRIMO NON NUOCERE
MEDICI SENZA FRONTIERE IN ARTE UMANITARIO


3-4-5 febbraio 2005
Istituto Galileo Galilei, via Conte Verde 51 - Roma

ingresso gratuito



SEZIONE ESPOSITIVA dalle ore 9:00

Sculture, fotografie, installazioni, pannelli, spot concorrono a raccontare
l'umanitario. Non solo quello di Medici Senza Frontiere e della sua storia,
ma anche quello di uno scultore mozambicano che espone i suoi lavori; di un
regista cinematografico americano che presenta il suo rapporto con l'AIDS
in Africa; di artisti italiani che si interrogano e ci interrogano.
Allestimento di Giancarlo Neri - Apollo 11


MSF: UNA STORIA DI UMANITARIO
la storia di Medici Senza Frontiere e delle sue attività nel mondo
mostra fotografica su grande poster plastificato

24 ANNI DI AFGHANISTAN
i 24 anni di attività di Medici Senza Frontiere in Afghanistan
mostra fotografica

DA ATENE A SPARTA PASSANDO PER BAGDAD
di Anna Minopoli
installazione

ARMI DI PACE
di Gonçalo Mabunda
sculture ricavate da residuati bellici

SPOT PER LA TELEVISIONE
Spot per la televisione (MSF); I promise Africa, di Jerry A. Henry,
Kenia/USA; Esodi Fastidiosi, di Federica Batoli, Italia)

Accompagna le esposizioni
RELIQUIE
di Ricci e Forte
monologo-performance con Anna Gualdo durata 20'
venerdì 4 febbraio ore 19.00


SEZIONE FILMICA dalle ore 19:45

Cortometraggi e documentari di produzione soprattutto straniera presentano
emergenze umanitarie, i luoghi e le persone che le vivono. Alcuni
documentari sono girati dagli stessi "protagonisti" di quelle vicende;
altri sono fiction o cortometraggi realizzati appositamente per stimolare
la riflessione in noi spettatori.
A cura di: Gustav Höfer e Sita Banerjee - Apollo 11


giovedì 3 febbraio

Spotlights on a massacre (Luci su un massacro), Dieci rinomati registi si
uniscono alla campagna antimine accanto ad Handicap International (Francia
- 3 episodi: 12'). Sott. italiano
Uno, nessuno, duecentomila, di Luca Cambi e Francesco Paterno, Alhambra
Factory (Italia - 50')
I promise Africa, di Jerry A. Henry (USA/Kenya - 2')


venerdì 4 febbraio

Spotlights on a massacre (Luci su un massacro), Dieci rinomati registi si
uniscono alla campagna antimine accanto ad Handicap International (Francia
- 4 episodi: 16'). Sott. Italiano
Trois fables a l'usage des blancs en Afrique (Tre fiabe ad uso dei bianchi
in Africa), di Luis Marques e Claude Gnakouri, (Costa d'Avorio/Francia -
15'). Sott. Italiano
Africa paradis, di Silvestre Amoussou (Benin/Francia - 11'). Sott. Italiano
Intilniri (Incontri), Progetto Yasem - Youth Against Social Exclusion in
Moldova (Giovani contro l'esclusione sociale in Moldova (ICS, toniCorti),
episodio quarto di Slava Balam (Moldova - 14'). Sott. Italiano
I promise Africa, di Jerry A. Henry (USA/Kenya - 2')


sabato 5 febbraio

Spotlights on a massacre (Luci su un massacro), dieci rinomati registi si
uniscono alla campagna antimine accanto ad Handicap International (Francia
- 3 episodi: 12'). Sott. Italiano
Do You Remember Sarajevo (Ti ricordi di Sarajevo), di Sead e Nihad
Kresevljakovic, Nedin Alikadic.
Per la prima volta nella storia delle guerre, la gente comune si è trovata
nella situazione di poter documentare gli eventi attorno a sé con una
videocamera (Sarajevo - 52')




SEZIONE TEATRALE dalle ore 21:00

La cultura degli anni '60, riflette sulla responsabilità collettiva, sul
dovere individuale di contribuire alla tutela dell'"umano"anche dove
guerre, catastrofi, epidemie dilaniano il luogo in cui si vive.
Nasce Medici Senza Frontiere, nasce il suo senso dell'Azione Umanitaria,
che individua operatori, metodologie, protocolli e tecniche, ma soprattutto
etica e responsabilità. Questo è l'inizio del percorso umanitario per MSF e
lo è anche per il pubblico che sarà accompagnato nel percorso delle tre
serate.


giovedì 3 - venerdì 4 - sabato 5 ore 21:00 - 21:20
L'UMANITARIO VISTO DA MEDICI SENZA FRONTIERE

I venti minuti di apertura delle tre serate sono un viaggio in tre puntate
attraverso l'esperienza di Medici Senza Frontiere. Si tratta di storie e
vissuti,ma anche dati, informazioni tecniche, problemi e difficoltà.
Sono lo strumento con cui il pubblico può essere guidato verso la seconda
parte della serata
Con: Sonia Barbadoro, Lydia Biondi, Estelle marion, Tommaso Ragno
Musiche: Bruno De Franceschi
A cura di: Paolo Castagna


giovedì 3 febbraio ore 21:30 - 22:30
TESTIMONIANZA
Apollo 11 per Medici Senza Frontiere
Ricerca volontaria attraverso l'eredità chemolti anni di operazioni hanno
lasciato alla storia.
Letteratura, ricordi, immagini, lettere e suoni di operatori, giornalisti,
testimoni, gente comune, attori e scrittori. Incontri/percorsi letti,
raccontati, messi in scena, proiettati, suggeriti e suonati.
È il racconto della poesia, della drammaticità delle situazioni, dei
contesti, dei percorsi di molti? da incontrare e da scoprire con il
desiderio e la volontà di cercare e trovare.

Con:
Flaminia Graziadei, attrice danzatrice regista coreografa fra cinema e
teatro perché si annoia con facilità.
Lucianna De Falco, attrice di cinema teatro e televisione, ha lavorato tra
gli altri con M. Ferreri M. Martone e da sette anni interpreta Dolly
Salvetti in Un posto al sole. Clelia de Vita, psicoterapeuta dell'età
evolutiva, ha studiato canto e pianoforte.
Rossella Zampiron, nata a Venezia si diploma brillantemente in violoncello
studia con importanti maestri quali Brunello, Dindo E Claret. Salvatore
Zambataro, si è diplomato in clarinetto suona la fisarmonica collabora
assiduamente con varie istituzioni tra cui il Teatro dell'Opera.
Massimiliano Grazioso, musicista, clarinettista, attore, scrive per il
teatro Su al Nord nasce qualche anno fa la piccola Marit Nissen giù al Sud
lavora con pesci piccoli e grandi come Corsicato Anaclerio Verdone Placido
Zanasi Bob Wilson Eronico La Pàrola?

Brigida Rossi,  Margaret Scaramella

Raffaella Lebboroni, attrice pigrissima ha lavorato, tra gli altri, con L.
Ronconi, M. Fabbri, S. Benni, P. Virzì, N. Moretti, M. Calopresti, F.
Archibugi, C. Verdone, E. Monteleone, Diego Ribonsuon attore, Omar Lopez
suona la tromba dall'età di 7 e la passione per la musica la deve al nonno
famoso trombettista cubano e suo primo maestro quando non è impegnato con
l'Orchestra di Piazza Vittorio si dedica alla sua band di fusion-jazz e
musica multietnica Sirius). Martina Galluzzi, Marco Lentini, Lucia Morelli,
Soawek Papiez, Tiziano Perrotta sono gli studenti del Galilei.

Pap Kanutè

Pierfrancesco Favino attore,  Valentina Carnelutti attrice  (recentemente
ne La meglio gioventù di M T Giordana e Tu devi essere il lupo di Vittorio
Moroni) teatro -  radioAutrice di Sfiorati (film in produzione con il
contributo del MiBAC), Maria Edgarda Marcucci ragazza/donna Sofia Albrigo
ragazza/donna.

Mario Tronco, musicista suona e compone per gli Avion Travel, dirige
l'Orchestra di Piazza Vittorio, scrive musica per il teatro e per il cinema
e gioca molto bene a pallone, Alessandra Acciai, diplomata all'Accademia
d'Arte Drammatica è attrice e autrice che riesce ancora a lavorare.
Emanuele Barresi, attore di teatro e cinema, ha lavorato tra gli altri con
Teatro del carretto, P. Virzì, S. Soldini.
Ignazio Oliva, attore documentarista che collabora con l'ong AMANI.

Roberta Sferzi, attrice nata a Milano, vive a Roma, è laureata in Filosofia
con indirizzo estetico, lavora da quasi vent'anni in teatro e attualmente
collabora con i teatri stabili di Roma, Torino e Parma. Paolo Sassanelli,
non è un vip, non è un personaggio famoso e neanche un personaggio, è
semplicemente un attore. Francesco Siciliano, papà di Viola, ha lavorato
con B. Bertolucci, E. Scola, e M. Calopresti, scia benissimo. Stefano
Venturi, attore di teatro e di cinema, ha lavorato tra gli altri con M.
Castri, C. Morganti, M. Calopresti, L. Ligabue. Ella Catalano, insegnante
di Filosofia e Scienze sociali nella scuola secondaria dove ha promosso e
diretto laboratori teatrali ha esperienza di recitazione cinematografica
teatrale e doppiaggio. Ha prodotto un documentario sull'Esquilino premiato
dalla SAS cinema.

Amalia Gré, cantante, compositrice, designer, debutto discografico nel 2003
con il primo album. Marco De Filippis, basso (el, fretless, ac.),
compositore, arrangiatore, fondatore del MusicSHine Network
(musicshine.net) 8 anni a NYC come jazzista Il progetto principale è con
Amalia Gré Anadi "Hagi" Mishra, percussionista "Quando mi chiedono quale
sia il mio strumento preferito, io dico le mani ". Francesca Viscardi Mary
Stuart attrice  regista ed insegnante con esperienza in Italia e negli USA
direttrice artistica del "Free mistake project" lavora anche come coach
personale degli attori Marta Iacopini Queen Elisabeth Cristina Pedetta Anna
Melissa Gava Burleigh Cristina Vignato Paulet, Leicester Daniele Pio
Mortimer

Emilio Solfrizzi è attore di teatro televisione e cinema con E. Monteleone,
C. Comencini, S. Soldini è molto simpatico.  Mimosa Martini inviata di
politica estera del tg5, è stata corrispondente di guerra in Afghanistan e
Iraq, attualmente lavora a Raccontando, programma giornalistico di canale 5.

Capo Progetto: Dina Capozio
Assistenza Tecnica e musicale: Antonio Vignera
allestimento:  Giancarlo Neri
Consulenza letteraria: Raffaella Lebboroni
Comunicazione: Annamaria Granatello

Regia di: Roberta Lena


venerdì 4 febbraio ore 21:30 - 22:30
CON FUSIONE
1991 in Somalia i marines americani intervengono con l'operazione Restore
Hope, seguono il bombardamento NATO del Kossovo nel 1999, l'intervento
militare in Afghanistan nel 2001 e in Iraq nel 2003;
tutte denominate: guerre umanitarie!
Sempre di più le società devono confrontarsi con la crescente e pericolosa
confusione sul termine "umanitario".
Due attori in scena, Giuseppe Scutellà e Camilla Frontini leggono testi,
articoli sull'argomento accompagnati dal gruppo Tri Muzike, che ospita il
cantante palestinese Faisal Taher, fondendo le tradizioni musicali dei
paesi del Mediterraneo.
A cura di: Ciro Menale

sabato 5 febbraio ore 21:30 - 22:30
"GLI ALLEATI VIAGGIATORI"
Il poeta Giancarlo Majorino immagina una "stupenda torcia" che falsamente
illumina la nostra società, seguita da una "magna forbice" che sempre di
più divide "chi ha ed è da chi non ha e non è".
Gli alleati viaggiatori; una raccolta di poesie di Giancarlo Majorino lette
sulle melodie di Raffaele Brancati (fiati), con la danza di Mavis
Castellanos accompagnata dalle percussioni di Ugo Maiorano (tammorra),
Antonio Pani (tarbuka), Lorenzo Gasperoni (djembe), Kal Dos Santos e
Roberto Quagliarella (congas)."Alleato" d'eccezione: il percussionista
Alfio Antico.
A cura di: Ciro Menale


Per informazioni ulteriori:
Medici Senza Frontiere
Via Volturno, 58 - 00185 Roma
Tel: 06/4486921, fax: 06/44869220
<http://www.medicisenzafrontiere.it>www.medicisenzafrontiere.it
<mailto:msf at msf.it>msf at msf.it


Gli indirizzi E-Mail presenti nel nostro archivio provengono da richieste
di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di
pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati.
Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta. Può succedere che il
messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso basterà
inviare una mail a
<mailto:news-unsubscribe at apolloundici.it>news-unsubscribe at apolloundici.it
con testo e oggetto vuoti.
Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli; laddove ciò avvenisse ce
ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.