[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

ISSA 5 Agosto Decisione



Mail: <>forumpalestina at libero.it         
Sito: <http://www.forumpalestina.org>http://www.forumpalestina.org

<http://www.forumpalestina.org/iniziative/2005/Aprile04/Firenze9Aprile.jpg>



 IL 5 AGOSTO DECISIONE SU ESPULSIONE ISSA

 A 9 giorni dal ricorso in appello al Tribunale di sorveglianza di Roma,
ritorna in primo piano la storia di Jihad Mohamed Issa, il palestinese che
ha espiato 20 anni di carcere per avere attentato alla vita del secondo
segretario dell'ambasciata in Italia degli Emirati Arabi Uniti e
partecipato al gruppo rivoluzionario Fatah.
   Dopo aver passato gli ultimi 10 anni in regime di semiliberta', Jihad e'
da piu' di un mese rinchiuso nel CTP di Ponte Galeria a Roma, e rischia
l'espulsione in quanto privo del
permesso di soggiorno. ''Per Jihad - dice il presidente di Antigone,
Patrizio Gonnella - l'espulsione non significa solo la definitiva
interruzione del percorso di reinserimento fin qui
proficuamente effettuato, ma anche un concreto rischio per la sua vita''.
Da cio', alcuni parlamentari, associazioni, operatori penitenziari e
semplici cittadini, hanno lanciato
un'appello affinche' a Jihad sia consentito di continuare a vivere e
lavorare in Italia.
   Oggi, nel corso di un incontro nella sala stampa della Camera dei
Deputati, si e' ritornato a parlare del palestinese alla presenza di alcuni
parlamentari, tra cui Luciano Pettinari (DS),
Giovanni Russo Spena e Ramon Mantovani (PRC), Gabriella Pistone (PDCI),
Paolo Cento (Verdi), i quali hanno preannunciato la presentazione di una
interpellanza parlamentare.
   E' stato il presidente di Antigone a illustrare il caso Jihad. ''E' un
caso classico di vita a rischio - ha detto Gonnella - e percio' da trattare
in maniera individuale. Su lui
l'applicazione della legislazione e' stata rigorosa, senza buonsenso. C'e'
rischio di incolumita' personale in quanto, qualora Jihad fosse espulso
verso un qualsiasi paese arabo,
rischierebbe la vita in quanto il gruppo del quale si ritiene sia stato
membro non solo e' stato dichiarato illegale da anni, ma i suoi ex membri
sono ricercati e condannati morte''.
   La vicenda giudiziaria e' stata poi illustrata dal difensore del
palestinese, Maria Luisa D'Addabbo. ''Jihad ha espiato in modo esemplare la
pena - ha detto - tant'e' che per l'ottimo
comportamento carcerario e per il suo costante e proficuo percorso di
reinserimento, gli sono stati concessi tutti i benefici previsti dalla
Legge Gozzini, nonche' tutte le misure
alternative alla detenzione. In virtu' del fatto che rischia la vita se
espulso dall'Italia, noi abbiamo chiesto l'immediato suo rilascio e
l'annullamento e la revoca della sua espulsione.
Auspichiamo che l'autorita' di sorveglianza faccia giustizia, decretando
che Jihad non e' un soggetto socialmente pericoloso, anzi e' persona
perfettamente integrata nel nostro paese. Per
questo merita che gli si riconoscono i diritti che ha''.

(Fonte:ANSA)

.Questa mail ti arriva perchè ti sei iscritto/a oppure hai avuto una
corrispondenza con i gestori del sito. I tuoi dati non saranno in alcun
modo resi pubblici o ceduti a terze persone. Serviranno solo ed
esclusivamente per l'invio delle NewsLetter  nel pieno rispetto delle
vigenti leggi sul diritto della privacy. Per cancellarti puoi farlo
direttamente dal sito sopra indicato nell'apposita sezione.


2