[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Osservatorio Iraq Newsletter 12/05 15-29 agosto







Osservatorio Iraq

Newsletter 12/05

15-29 agosto





La bozza di Costituzione, dopo l'ennesimo rinvio, E' stata consegnata al
Parlamento, che nella giornata di domenica l'ha approvata formalmente.

Appoggiata dai parlamentari  che fanno riferimento ai gruppi curdi e sciiti
( ma non tutti), E' stata invece respinta dai sunniti, che hanno chiesto
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1363
)  l'intervento della Lega Araba e dell'Onu.

Le
(http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/cerca.php?stringa=nlcost
)  questioni rimaste in sospeso sono ancora una volta quelle del
federalismo e della divisione delle risorse, cui si oppongono non soltanto
i sunniti.

Il problema fondamentale resta però quello di una Costituzione scritta
sotto occupazione, come ben sottolinea
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1331>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1331
) Haifa Zangana ,  affrontando quello che per giorni E' sembrato il
problema più scottante, quello del ruolo delle donne nel nuovo Iraq.

I problemi,  per chi non guarda dal punto di vista dell'Occidente,  sono
invece altri, come appare chiaro leggendo la
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1326>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1326
) stampa araba, che  ha commentato con irritazione le indiscrezioni sulla
bozza di costituzione.





(
<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/cerca.php?stringa=nlman>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/cerca.php?stringa=nlman
) Manifestazioni si sono svolte, in queste ultime settimane , in diverse
città irachene, sia contro la Costituzione, sia per migliori condizioni di
vita.

Il governo infatti non riesce a risolvere i problemi quotidiani
dell'esistenza degli iracheni, ma si attrezza per poter finalmente dare il
via alle
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1330>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1330)
privatizzazioni .

E il governo non ha molta voce in capitolo neanche per quello che riguarda
le operazioni militari statunitensi nel suo territorio: nonostante gli
appelli del Presidente del Parlamento,
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1336>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1336
) Tel Affar E' stata di nuovo posta sotto assedio, come tutta la zona
dell'Ovest iracheno, con i bombardamenti che hanno nuovamente colpito la
città di
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1360>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1360
) Al Qaim , dopo che all'inizio del mese era stata effettuata una analoga
operazione a
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1344>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1344
) Haditha .

L'occupazione statunitense, accusata di portare il caos, E' stata per la
prima volta criticata anche da un ministro del governo iracheno, lo sciita
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1323>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1323
) Salam Al-Maliki, titolare del dicastero dei Trasporti.



Quando non E' l'esercito Usa ad assediare le città, ci pensa quello
iracheno, e soprattutto le
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1342>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1342)
milizie legate ai partiti curdi e ai partiti sciiti , come avviene a
Bassora e a Mosul.

Intanto gli Usa, lungi dal programmare un ritiro, come chiede negli Stati
Uniti
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1351>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1351)
Cindy Sheehan, ormai diventata un simbolo del pacifismo, aumentano le
proprie truppe, o almeno alcuni reparti, come quello dei 700 parà chiamati
a difendere le carceri irachene. A decidere questo nuovo invio, E' forse
stato il clamoroso
(<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1361>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1361
) tentativo di fuga dei centinaia di detenuti del carcere di Camp Bucca?



L'Iraq non E' il Vietnam, ci tiene a precisare l'ex segretario di Stato Usa

 (
<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1333>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1333
) Henry Kissinger, ma forse somiglierà un po' troppo all'Afghanistan; e se
così non fosse, ci penserà il nuovo ambasciatore Usa a Baghdad ,
<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1364>http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1364
Zalmay Khalilzad, che arriva da Kabul per sperimentare anche in Iraq il
"modello afghano".





OsservatorioIraq.it  E' un progetto di'informazione della associazione Un
ponte per... totalmente autofinanziato. Se vuoi che continui a vivere
SOSTIENILO.

PUOI SOTTOSCRIVERE ORA CLICCANDO QUI
<>http://www.unponteper.it/chisiamo/form_e_payment.html?UP0128


Conto corrente postale 59927004

Conto Bancario 100790 ABI 05018 CAB 12100 CIN: P - Banca Popolare Etica

intestati ad "Associazione Un ponte per..."

causale : osservatorio iraq



Contatti: <>www.osservatorioiraq.it - <>info at osservatorioiraq.it - telefono
0644702906