[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

inizio campagna digiuni per una finanziaria di pace



Comunicato stampa - martedì 29 novembre 2005

DIGIUNO per una FINANZIARIA DI VITA E DI PACE



Oggi, 29/11/2005, il sottoscritto p. Angelo Cavagna, inizia un DIGIUNO A
GIORNI ALTERNI per una FINANZIARIA DI VITA E DI PACE. IL DIGUNO A TEMPO
INDETERMINATO SALVO LA VITA non lo posso più fare per esplicito divieto del
medico di fiducia Mandini Lodeo, che me l'ha proibito d'ora in poi per
ragioni di età.

Inizierà dal 1 dicembre invece il DIGIUNO A TEMPO INDETERMINATO SALVO LA
VITA addirittura Turi Vaccaro, dal carcere di Breda (Olanda) dove è
detenuto per l'azione di pace antimilitarista da lui compiuta.

Partiamo un po' in ritardo rispetto agli anni scorsi. Correvano voci di
spostamento di fondi, da parte del governo, rispetto al testo presentato
inizialmente; ma oramai pare assodato che la spesa militare preventivata
resta nel complesso ancora elevata, come pure restano i forti tagli agli
Enti Locali, alla Cooperazione Internazionale e ad un vero piano di
sviluppo: non basta qualche beneficenza. Ragion per cui partiamo decisi nel
chiedere una politica economica di pace: sostegno alla famiglia, aumenti
agli enti locali, solidarietà internazionale.

Confido in una partecipazione ampia e decisa di tante persone, convinte
che, per una <politica economica di vita e di pace>, o si interviene
adesso, mentre la legge FINANZIARIA è in discussione in PARLAMENTO (mesi
novembre-dicembre), oppure, dopo, si può sbraitare finché si vuole, ma la
torta dei soldi che gli italiani danno ogni allo Stato è già divisa e tale
resta fino alla FINANZIARIA del prossimo anno.

Auspico nel contempo una grande unione di forze morali e politiche di pace.
Come gli anni scorsi la Campagna Digiuni per una Finanziaria di Pace è in
appoggio alla <Campagna SBILANCIAMOCI>, che è lo studio-proposta di
modifica del testo di legge FINANZIARIA il più approfondito e dettagliato
(articolo per articolo) per suggerire tagli e corrispondenti aumenti,
soprattutto sotto il profilo di una <politica di vita e di pace> (ridurre
del 20% le spese militari), a prescindere dai partiti di destra e di
sinistra. È una voce della società civile nel suo complesso, mirata a
costruire il bene comune nazionale e internazionale.

Può essere di incoraggiamento ricordare un segnale positivo verificatosi lo
scorso anno proprio al termine della Campagna SBILANCIAMOCI e del DIGIUNO
per una FINANZIARIA DI PACE. Un messaggio E-mail del senatore verde
Francesco Martone del 28/12/2004 annunciava l'approvazione di un suo ordine
del giorno concernente "la destinazione del contributo italiano di 100
milioni di euro per15 anni alla lotta all'AIDS e alla malaria anziché
all'acquisto e produzione di cacciabombardieri Eurofighter.

L'appello ad aderire alla CAMPAGNA DIGIUNI in una forma o l'altra (a TEMPO
INDETERMINATO SALVO LA VITA o in GRUPPO A STAFFETTA o a GIORNI ALTERNI o a
GIORNI PERIODICI, es. tutti i lunedì o un altro giorno della settimana, o
UN GIORNO SOLO determinato) è rivolto a tutti i cittadini, in particolare
ai PARLAMENTARI, come già avvenuto negli scorsi anni. Posso annunciare che
hanno già aderito i seguenti gruppi:



p. Angelo Cavagna - presidente GAVCI



Riportiamo i primi nominativi degli aderenti alla campagna digiuni:

Coordinamento "PER UNA FINANZIARIA DI PACE"

Giovedì 24 novembre: Mauro Innocenti e Vittorio Pallotti
Venerdì 25 novembre:  Maria Rosa Accorsi
Sabato 26 novembre: Giuliano Buselli
Lunedì 28 novembre: Gioia Ceccarini
Martedì 29 novembre: Maurizio Sgarzi
Mercoledì 30 novembre: Eija Kruiri

Note

1.      Chi aderisce è invitato a segnalarlo con precisione al GAVCI
(Gruppo Autonomo di Volontariato Civile in Italia): tel./fax 051/6344671;
E-mail: <mailto:gavci at iperbole.bologna.it;>gavci at iperbole.bologna.it; sito
internet: <http://www.gavci.itPer>www.gavci.it
2.      Per informazioni sulla <Campagna Sbilanciamoci>, rivolgersi a:
<http://www.sbilanciamoci.org/>www.sbilanciamoci.org; E-mail:
<mailto:lunaria at lunaria.org;>lunaria at lunaria.org; tel. 06/44361190; fax:
06/8841859