[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Newsletter n°4 febbraio 2006






DALLE GUERRE DI LIBERAZIONE ALLA LIBERAZIONE DALLE GUERRE

Il 15 febbraio si è svolto a Treviso il primo appuntamento con la rassegna
cinematografica itinerante organizzata da Un Ponte per? Obiettivo
dichiarato: denunciare non tanto l'illegittimità della guerra, ma piuttosto
la sua totale inutilità. Un numeroso pubblico ha partecipato alla
presentazione dell'iniziativa e alla proiezione del film "Partigiani" di
Guido Chiesa. Alla serata hanno partecipato Umberto Lorenzoni (presidente
provinciale ANPI) e Agostino Pavan (responsabile dell'Associazione
Volontari della Libertà).

La rassegna continuerà fino al 17 marzo. La prossima proiezione sarà il 22
febbraio con 'About Baghdad'  di Sinan
Antoon.<(http://www.unponteper.it/article.php?sid=1158> >>>



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1961>La
guerra in Iraq, o come cancellare la memoria di un popolo

Dalla guerra del 1991 è iniziata la distruzione sistematica del patrimonio
culturale iracheno. Ma come ricostruire un paese se viene privato del
proprio passato? Dove può andare un popolo che ha perduto i riferimenti
della sua memoria? Come una persona in preda all?amnesia, esso rischia di
avanzare nel tempo in preda ai dubbi e a qualsiasi influenza.
<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=1961>>>>


<mailto:naftana at unponteper.it>

Avviato il progetto di sostegno all?educazione all?interno del programma
Shabab, rivolto ai giovani dei campi profughi palestinesi in Libano.
L?ambito individuato insieme ai partner in loco è quello relativo
all?attivazione di classi di alfabetizzazione per allieve rimaste escluse
dalle scuole. Le classi di recupero rispondono ad una forte esigenza
riscontrata tra i giovani dei campi, dove si registra un drop out
scolastico attestato da anni al 35%. La causa di questa situazione è da
ricercare nelle difficili condizioni di vita dei profughi palestinesi del
Libano. La legge libanese impedisce il lavoro in 75 professioni, la
disoccupazione è al 70%, mentre il 36% delle famiglie non possiede alcuna
forma di reddito. A farne le spese sono soprattutto le giovani generazioni,
da sempre la parte più vulnerabile delle comunità sottoposte a pressioni ed
alla negazione sistematica dei più elementari diritti
<http://www.unponteper.it/schedaprogetto.php?sid=40&thold=0>>>>

APPOGGIAMO I LAVORATORI IRACHENI DEL PETROLIO

Il 19 febbraio si è conclusa la visita in Italia di Dawood Salman,
rappresentante della General Union of Oil Employees, sindacato dei
lavoratori del petrolio. E? stato un momento importante per capire le
posizioni di un sindacato così strategico. Dawood è stato chiaro:?aiutateci
a cacciare le truppe di occupazione, tutte, anche le italiane che con la
loro presenza legittimano l?occupazione americana?. Le loro richieste vanno
dall?azzeramento dei contratti firmati da Saddam e da Bremer, alla
richiesta di avere voce in capitolo riguardo alle future decisioni del
governo in tema di petrolio, al rifiuto della privatizzazione. Rifiuto che
ha portato al blocco dei primi tentativi di privatizzazione del settore. Ma
la GUOE chiede anche solidarietà attiva ed è per questo che Un Ponte per
sta lavorando alla creazione del comitato di sostegno alle loro lotte che
si coordinerà anche a livello europeo.

Info: <mailto:naftana at unponteper.it>naftana at unponteper.it





VERSO UN?ASSEMBLEA PARTECIPATA

Continuano i preparativi per l?organizzazione dell?Assemblea dei Soci. Il
luogo e le date sono confermate: Roma, 12-14 maggio 2006. E? l?Assemblea
dei 15 anni, ha lo scopo di approvare la strategia triennale
dell?associazione, per questo vorremmo che fosse particolarmente
partecipata. In preparazione all?Assemblea verranno realizzati incontri
territoriali nelle città dove abbiamo sedi locali: Bologna/Pianoro,
Firenze, Milano, Napoli, Reggio Calabria, Torino, Trento, Treviso, Udine.
Se qualcuno dei soci e simpatizzanti del Ponte volesse partecipare a questi
incontri è pregato di segnalarlo all?indirizzo:
<mailto:direzione at unponteper.it>direzione at unponteper.it, specificando anche
la città dove intende partecipare.



24 febbraio, Inzago -Mi-

Guerre. L'indifferenza è colpevole
<http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=30>>>>



24 febbraio, Fondi -Lt-

Ho un amico a... <http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=34>>>>



25 febbraio, Atene

IVConferenza Internazionale sulle attività sociali del Settore dell'
energia...<http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=32>>>>



25 febbraio, Napoli

SaDdafare...e da dire <http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=33>>>>



25 febbraio, Savigno - Bo-

Missione di pace <http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=36>>>>



2 marzo, Brugherio -Mi-

Iraq: quale futuro? <http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=29>>>>



3 marzo, Roma

In ricordo di Calipari <http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=35>>>>



18 marzo, Roma

Ci salverà il soldato che non la farà?

Militari e familiari contro la guerra dagli Usa, Gran Bretagna,Israele,
Palestina, Russia, Turchia,
Italia.<http://www.unponteper.it/eventi/details.php?id=31>>>>


TESSERAMENTO 2006
Tesserarsi è semplice: fai una donazione di almeno 25 * tramite bollettino
postale ccp 59927004 intestato ad Un ponte per?, indicando nella causale
tessera 2006 e ti invieremo la tessera. Puoi effettuare la donazione anche
online dal nostro sito.
<http://www.unponteper.it/sostienici/pagina.php?op=include&doc=tessera>>>>


INFORMATI
Il modo migliore per sostenerci è informarsi: per ricevere Un ponte per, il
notiziario che ti informa sulle attività dell'organizzazione, compila il
form con i tuoi dati e riceverai il nostro
trimestrale <http://www.unponteper.it/informati/pagina.php?doc=form_notiziario.html>>>>

TRUFFA A MANO ARMATA
Pubblicazione nata dalla collaborazione di Campagne e Organizzazioni che in
questi anni hanno continuato ad indagare gli intrecci economici e politici
giocati sulla pelle degli iracheni. Il rapporto dimostra come la politica
energetica sostenuta da Bush, con l?interesse delle altre forze occupanti,
compresa l?Italia, destini la maggioranza dei giacimenti iracheni
appannaggio delle multinazionali petrolifere.
<http://www.unponteper.it/bottega/items.php?CA=1&UID=>>>>