[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Newsletter Osservatorio Iraq: 20/2006









Newsletter Osservatorio Iraq

20/2006: 11 - 25 ottobre 2006





Iraq, il prezzo della guerra





Secondo la stima fatta da un team della Johns Hopkins University e
pubblicata dalla rivista scientifica britannica Lancet, il conflitto
iniziato nel marzo 2003 è già costato la vita ad almeno 650mila persone.

Ma l?intervento militare in Iraq ha anche un costo in termini economici. Il
prezzo più alto non lo hanno pagato gli Stati Uniti (che pure hanno speso
336 miliardi di dollari), ma il popolo iracheno, che ? a causa della guerra
e delle nuove politiche discriminatorie del Fondo monetario internazionale
- ha perso il 40 per cento del proprio reddito nazionale e vive in una
situazione di sempre maggiore indigenza.





<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3142>Questa
terribile disavventura ha ucciso un iracheno su 40

Richard Horton ? Guardian



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3203>Il
costo della guerra in Iraq

Federica Di Carlo - L'Unità Online

<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3226>

<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3226>La
guerra ha ridotto il reddito nazionale iracheno del 40 per cento

Anna Bernasek - The New York Times



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3174>Cresce
il numero degli iracheni indigenti

Ikhlas Majid - Azzaman



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3199>Guerra
economica: l?Iraq e il Fondo Monetario Internazionale

Jeff Leys - CommonDreams.org









La ?normalità? impossibile



Quella dei medici è una delle categorie più colpite dalla guerra in Iraq.
Dal 2003 migliaia di operatori del settore sono fuggiti all?estero, mentre
? tra quelli che sono rimasti - 250 sono stati rapiti e 65 uccisi, solo nel
2005. Non va meglio alle donne, che quando tentano di svolgere una
professione rischiano di diventare vittime di rapimenti, stupri e omicidi
?punitivi?, e ai giovani, che non hanno più la possibilità di fare progetti
o condurre semplicemente una vita normale.





<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3212>I
medici implorano aiuto mentre gli iracheni muoiono senza motivo

Jeremy Laurance - The Independent



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3171>Le
donne irachene vittime nascoste di un conflitto brutale

Peter Beamount - Observer



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3156>Le
violenze continue congelano la vita dei giovani iracheni

Sabrina Tavernise - The New York Times









Il nuovo Iraq spaventa i vicini



La recente legge irachena sul federalismo ha messo in allarme tutto il
Medio Oriente. In una regione già nervosa per la probabilità di una guerra
civile totale tra sunniti e sciiti si teme una possibile divisione
dell?Iraq, che potrebbe compromettere i fragili equilibri dell?intera area.
E per stabilizzare il Paese, il presidente Jalal Talabani fa appello
proprio ai suoi vicini, ipotizzando una collaborazione con Siria e Iran





<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3217>Il
Medio Oriente teme la divisione dell'Iraq

Liz Sly - Chicago Tribune



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3184>Talabani:
un tavolo con Siria e Iran per stabilizzare l'Iraq

Il Sole 24 Ore









Iran, potenza emergente



Con le sue dichiarazioni spregiudicate, il presidente Mahmud Ahmadinejad ha
fatto dell?Iran il nuovo protagonista della politica mediorientale, una
potenza regionale che non è possibile ignorare. Ma, almeno per ora, di
dialogo tra Tehran e Washington non vi è traccia. Al contrario, esistono
informazioni attendibili secondo cui l'Amministrazione Bush ed il Pentagono
hanno iniziato lo spiegamento di un grosso "gruppo di attacco" navale nel
Golfo Persico, che potrebbe preludere a un attacco contro la Repubblica
islamica





<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3131>Il
mondo secondo Ahmadinejad  ?Facciamo un referendum su Israele?

Lally Weymouth - Washington Post



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3081>Medioriente,
è con l?Iran di Ahmadinejad che bisogna fare i conti

Luca de Fusco - Pagine di Difesa



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3187>Segnali
di Guerra

Dave Lindorff - The Nation



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3078>La
fragile tregua libanese e i tormenti di Israele

Robert Malley - La Repubblica



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3154>Ricostruzione
record targata Hezbollah

Michele Giorgio - Il Manifesto



<http://www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3166>Gaza
è una prigione. A nessuno è consentito di andarsene

Patrick Cockburn - The Independent









Per non ricevere più la
newsletter <mailto:owner at unponteper.it?subject=cancellami>Clicca qui

OsservatorioIraq.it  è un progetto di'informazione della associazione Un
ponte per... totalmente autofinanziato. Se vuoi che continui a vivere
SOSTIENILO.

PUOI SOTTOSCRIVERE ORA CLICCANDO QUI
<http://www.unponteper.it/sostienici/form_e_payment.html?UP0128>http://www.unponteper.it/sostienici/form_e_payment.html?UP0128


Conto corrente postale 59927004

Conto Bancario 100790 ABI 05018 CAB 12100 CIN: P - Banca Popolare Etica

intestati ad "Associazione Un ponte per..."

causale : osservatorio iraq



Contatti: <>www.osservatorioiraq.it -
<mailto:redazione at osservatorioiraq.it>redazione at osservatorioiraq.it -
telefono 0644702906



_______________________________________________
info_unponteper.it mailing list
per cancellazioni o modifiche
https://unponteper.it/mailman/listinfo/info_unponteper.it