[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Newsletter dicembre 2006








Newsletter n°2 - Dicembre 2006


    Per educare...

Cosa è cambiato oggi nell?educare?

È cambiato il rapporto tra autorità e libertà. Una certa paura e incertezza
nell?uso del potere educativo adulto  ha generato una deriva rinunciataria,
una educazione liquida,  senza ancoraggi per adulti e bambini. Il
fraintendimento tra potere e dominio, tra conflitto e violenza, tra limite
e danno ha prodotto una generazione di adulti  senza coraggio, senza
progetto, che non vuole  correre rischi, temendo le reazioni di figli e
alunni. L?ambivalenza tra l?ansia di instaurare relazioni e il timore di
restarne impigliati, a motivo della stabilità e della responsabilità, è
vissuto come limitazione della libertà e delle infinite opportunità

E? saltato il meccanismo che regola il rapporto tra diritti e doveri, tra
possibilità di desiderare e il limite che la realtà e le relazioni ci
chiedono.

È cambiata la funzione comunitaria e generazionale dell?educazione. Un
certo spostamento sul bambino della centralità fondativa dell?educazione
(cioè i bambini fondano e determinano l?educazione) ha prodotto una visione
personalistica (cioè valida solo per un determinato adulto e per un
determinato bambino) che ha sciolto la comunità dalla responsabilità di
tramandare, trasformare e integrare le pratiche educative, delegando agli
addetti ai lavori (genitori e insegnanti) e agli esperti (psicologi e
pedagogisti) il compito di valutare, orientare e curare. L?educare si gioca
così in un presente singolare, autorefenziale (ciò che mi va  bene è anche
giusto), semplificato (inibire la complessità della relazione educativa
attraverso la riduzione a problema o comportamento problematico),
immanente/puntuale (perdere di vista la processualità evolutiva genera come
esito il bambino già grande e l?adulto ancora bambino). Non rimane che
delegare ai professionisti il compito di educare, cioè diagnosticare,
curare, medicalizzare. I criminologi diventano i veri esperti dell?educare,
a loro viene chiesto di agire a valle di un processo che viene letto come
degenerazione patologica.

È cambiato che l?agire autobiografico prevale sull?agire educativo. Le
aspettative compensative dell?adulto orientano verso scelte che incentivano
o inibiscono nel bambino la possibilità di sintonizzarsi con il proprio
processo evolutivo. La ricerca del consenso e dell?approvazione da parte
del bambino sposta l?adulto verso pratiche che puntano al persuadere
(?allora siamo d?accordo??), al lasciare decidere (?cosa vuoi fare??) e al
gioco come recupero di un?assenza (?Scappo a casa a giocare con mio
figlio!?). L?azione educativa sembra così destinata a dovere confermare
nell?adulto che sta operando bene, che il suo bambino/alunno non subirà
traumi di cui potrebbe sentirsi in colpa e che la sua storia educativa sarà
definitivamente riscattata da mancanze o privazioni.

<http://www.cppp.it/scheda_staff.asp?idstaff=2>Paolo Ragusa



    Proposte formative del CPP


<http://www.cppp.it/seminari.asp>La gestione educativa dei conflitti.
<http://www.cppp.it/staff.asp>Paolo Ragusa - Emanuela Cusimano - Piacenza,
20 gennaio 2007

<http://www.cppp.it/seminari.asp>L'album dei ricordi: fotografie in azione.
<http://www.cppp.it/staff.asp>Anna Boeri - Piacenza, 20 gennaio 2007

<http://www.cppp.it/seminari.asp>Le malattie dell'educazione.
<http://www.cppp.it/staff.asp>Daniele Novara - Piacenza, 27 gennaio 2007

La gestione dei conflitti nel gruppo sportivo
Massimo Ferrari - Lucia Castelli - Piacenza, 17 febbraio 2007

<http://www.cppp.it/specializzazione.asp>Corso di Specializzazione - Anno
2007 (XI edizione)
<http://www.cppp.it/specializzazione.asp>Consulenza Maieutica nella
gestione dei conflitti.
Per imparare una nuova competenza professionale nella conduzione delle
evenienze conflittuali in vari contesti.
Sono aperte le pre-iscrizioni e i colloqui fino al 26 gennaio 2007

Per informazioni sui corsi proposti consultare il sito
<http://www.cppp.it/>www.cppp.it oppure contattare il nostro Istituto via
mail <mailto:info at cppp.it>info at cppp.it o al seguente numero 0523498594


    Nel territorio



Per il quarto anno consecutivo Il CPP - Centro Psicopedagogico per la Pace
e la gestione dei conflitti seguirà attraverso supervisione scientifica e
consulenze le direttrici dei <http://www.doremibaby.it/>Nidi Doremibaby di
Milano, per consolidare la coesione pedagogica tra le diverse sedi e per
implementare la capacità di risposta alle evenienze problematiche. La
formazione 2006/2007 vertirà sui seguenti temi: Le emozioni nel lavoro
educativo 0-6, Le intelligenze multiple di Howar Gardner, le fasi di
sviluppo cognitivo di Jean Piaget e l'evoluzione sociale della famiglia
negli ultimi 50 anni verso le funzioni educative dei genitori.



Per avere informazioni sul progetto <mailto:info at cppp.it>info at cppp.it





    Ti suggeriamo di leggere ...

P. Cosolo Marangon - P.Ragusa,
<http://www.cppp.it/pubblicazioni.asp>Ginocchia
sbucciate <http://www.cppp.it/pubblicazioni.asp>interviste sull'educazione,
Editrice Berti, Piacenza 2006

LA RIVISTA CONFLITTI HA MOLTE SORPRESE PER VOI!

SCOPRI IL <http://www.cppp.it/rivista/index.asp>PIANO EDITORIALE 2007
TRATTEREMO IL CONFLITTO E I SUO RISVOLTI IN CONTESTI DIVERSI:

La sicurezza del cittadino e l'educazione ai conflitti
La gestione dei conflitti nel settore sanitario
La gestione dei conflitti nell'attività sportiva
Il conflitto organizzativo nei luoghi di lavoro
I conflitti nell'intimità: la coppia scoppia?




Ufficio Stampa
Centro Psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti
Via Campagna 83  -  29100 Piacenza
tel. e fax 0523.498.594
<http://www.cppp.it/>www.cppp.it  -
<mailto:ufficio.stampa at cppp.it>ufficio.stampa at cppp.it

Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 si precisa che le informazioni contenute in
questo messaggio e negli eventuali files allegati sono riservate e ad uso
esclusivo del destinatario, per le finalità indicate nel messaggio stesso.
Qualora il messaggio in questione  Le fosse pervenuto per errore, La
invitiamo ad eliminarlo dal Suo sistema, senza copiarlo ed a non inoltrarlo
a terzi, dandocene gentilmente comunicazione. Grazie.

(se non vuoLe ricevere più le nostre comunicazioni invii una mail
all'indirizzo <mailto:ufficio.stampa at cppp.it>ufficio.stampa at cppp.it con
oggetto "Cancellami")