[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Novità libraria



Vi segnalo in allegato un interessante testo, che ho recensito, sui temi
della pace e dell'obiezione di coscienza:
Anselmo Palini,
Testimoni della coscienza,
editrice Ave, Roma ottobre 2005 (prima ristampa aprile 2006) - premio Capri
san Michele 2006 per la sezione riguardante i  libri indicati in
particolare per i Giovani.
Cordiali saluti.
Alessandra Bertoni






Anselmo Palini,

Testimoni della coscienza. Da Socrate ai nostri giorni,
editrice Ave, Roma 2005 (prima ristampa aprile 2006),
prefazione di Franco Cardini

Premio Capri San Michele 2006 sezione Giovani

Questo libro di Anselmo Palini intende proporre un percorso storico con la
presentazione di figure esemplari, alcune delle quali pressoché
sconosciute, che, in circostanze e situazioni spesso drammatiche, hanno
saputo dire no alle pretese del potere, anteponendo le ragioni della
coscienza perfino a quelle della sopravvivenza.
Il filo rosso che unisce tutti i personaggi qui presentati è la fedeltà  a
dei valori e a degli ideali, a dei principi morali assoluti, non
negoziabili, che, in un certo momento storico, sono stati ritenuti
superiori alle leggi dello Stato. 
Accanto a personaggi realmente esistiti - Socrate, Massimiliano di Tebessa,
Tommaso Moro, Pavel Florenskij, Franz Jägerstätter, gli studenti della Rosa
Bianca e il loro professore Kurt Huber - vi è la figura di Antigone, ossia
una creazione letteraria. La presenza di questa protagonista dell'omonima
tragedia di Sofocle è dovuta al fatto che in Antigone, per la prima volta
nella storia della letteratura, si pone il problema del contrasto fra la
legge dello Stato e "le leggi degli dèi", ossia delle norme sentite come
superiori. Dal V secolo a. C. in poi, Antigone ha così incarnato l'idea del
diritto naturale, che gli antichi chiamavano legge non scritta, una legge
eterna, che nessuno aveva mai letto in un codice, ma che tuttavia si poneva
come inviolabile. Antigone obbedisce a quella che ancora non chiama la sua
coscienza, ma che ad essa assomiglia molto. 
Tutti i personaggi di cui parla Anselmo Palini in questo suo libro hanno
pagato con la vita le proprie scelte  e la fedeltà a delle "leggi eterne e
immutabili", quelle che per noi oggi risiedono in quel luogo sacro che è la
coscienza individuale.
Il presente testo è preciso e rigoroso, ma non specialistico, ossia non per
i soli addetti ai lavori. Ha dunque un carattere divulgativo, in quanto
l'obiettivo è quello di permettere a tutti gli interessati di avvicinarsi
alle tematiche e ai personaggi presentati.



Alessandra Bertoni