[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Giuliano Pontara a Verona



comunicato stampa, con preghiera di pubblicazione. Grazie
--
_____________________
Movimento Nonviolento
via Spagna, 8
37123 Verona

tel. 045 8009803
Fax  045 8009212

sito: www.nonviolenti.org


War is over  (John Lennon)


INVITO a due incontri pubblici, promossi dal MOVIMENTO NONVIOLENTO di
Verona, con GIULIANO PONTARA, filosofo della politica e uno dei massimi
studiosi della nonviolenza a livello internazionale, profondo conoscitore
del pensiero etico-politico di Gandhi. Un'occasione per riflettere sui
problemi planetari del ventunesimo secolo: guerre, terrorismi, crisi
ecologica. ________________________________________________________________

Venerdì 2 febbraio 2006, alle ore 18,45
presso il "Caffè letterario" della Libreria Rinascita
di Corso Porta Borsari, 32

presentazione del libro:

"L'ANTIBARBARIE, la concezione etico-politica in Gandhi e il XXI secolo"
(Edizioni EGA).

incontro con l'autore GIULIANO PONTARA
filosofo, docente presso l'Università di Stoccolma.

Introduce
Sergio Paronetto, Pax Christi - Verona
________________________________________________________________

Venerdì 2 febbraio, alle ore 21, 15
presso la Casa per la Nonviolenza
di via Spagna, 8 (zona Basilica di San Zeno)

"L'ANTIBARBARIE, le risposte di Gandhi alle sfide di oggi"

incontro dibattito con GIULIANO PONTARA

introduce
Mao Valpiana, Direttore della rivista "Azione nonviolenta"
________________________________________________________________

"La concezione etico-politica di Gandhi ci può essere d'aiuto e ispirazione
nelle lotte contro quelle che chiamo "tendenze naziste" e che sono oggi
largamente presenti sia nel mondo della politica, e in modo particolare in
quello dei terrorismi fondamentalisti e delle guerre (cosiddette) contro di
essi, sia nel mondo dell'economia, dominata da una nuova ondata di
capitalismo predatore e di fondamentalismo del mercato.
"Tendenze naziste" che si esprimono in politiche belliche ed economiche che
comportano sistematiche violazioni di basilari diritti alla vita ed alla
salute di milioni e milioni di persone e costituiscono altrettante
gravissime minacce alla pace ed alla democrazia.
Riflettere sulla concezione etico-politica di un uomo che conosceva bene,
anche per la propria esperienza diretta, la violenza della guerra e lo
sfruttamento sistematico connaturato al colonialismo e all'imperialismo - e
che per gran parte della sua vita fu impegnato in un grande e difficile
tentativo di opporsi alla barbarie con mezzi immuni dal contagio di essa -
porta immancabilmente a dover confrontarsi con tutta una serie di questioni
e problemi di natura politica, etica ed etico-politica sui quali si è
esercitata la riflessione di pensatori appartenenti a culture ed epoche
diverse. Questioni e problemi che sono pur sempre di grande attualità".

Giuliano Pontara