[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

AFGHANISTAN/ASSOCIAZIONE OBIETTORI NONVIOL ENTI: ?NON IN NOSTRO NOME?



AFGHANISTAN/ASSOCIAZIONE OBIETTORI NONVIOLENTI: ?NON IN NOSTRO NOME?

?Il voto di ieri sera al Senato, che ha dato il via libera al
rifinanziamento delle missioni militari dell?Italia, con capofila la
missione in Afghanistan, è stato fatto ?non in nostro nome??.
E? quanto ha dichiarato Massimo Paolicelli, presidente dell?Associazione
Obiettori Nonviolenti.
?L?aumento delle spese militari dell?11% - prosegue Paolicelli -, la
conferma del progetto del caccia di attacco con capacità di trasporto di
ordigni nucleari JSF, la nuova base USA a Vicenza ed ora anche la permanenza
nella fallimentare guerra in Afghanistan delle truppe italiane e l?utilizzo
di mercenari in Iraq, sono il tragico risultano portato a casa dal Governo
di Centro-sinistra in meno di un anno, disattendendo letteralmente il
programma con il quale ha chiesto il voto agli italiani.
Noi chiediamo innanzitutto il rispetto dell?articolo 11 della Costituzione,
violato in Afghanistan dove è in corso una guerra, dove le truppe italiane
partecipano insieme a quelle della Nato. Noi chiediamo il ritiro immediato
delle nostre truppe per permettere una presenza diversa in Afghanistan a
fianco della società civile e delle forze democratiche, abbandonate dalla
missione Nato. Preoccupa che il nostro ministro degli esteri abbia citato
acritichicamente, come percorso di riconciliazione, la prevista amnistia del
Governo Karzai salutata favorevolmente dai signori della guerra che siedono
in Parlamento, ma fortemente contestata dalle forze democratiche
dell?Afghanistan.
Crea sconcerto ? conclude Paolicelli - vedere oggi molti dei parlamentari
scesi in piazza negli anni scorsi contro le guerre, senza se e senza ma,
lasciare la coscienza insieme al cappotto in Transatlantico ed entrare in
Aula per rifinanziare la partecipazione italiana ad una guerra,
nascondendosi dietro ad un dito dato da una fumosa conferenza di pace (che
dovrebbe farsi dopo lo spargimento di sangue della primavera) e qualche
briciola in più data alla cooperazione. Tutto questo ?non è in nostro
nome??.

Roma, 28 marzo 2007