[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Re:[pace] Re: [no fuoco atomico] Turi ed il rischio del carcere



Tutta la mia solidarietà a Turi Vaccaro, di cui ho ascoltato un brevissimo intervento, 
alla fine di un incontro presso la festa di Radio Sherwood a Padova, in cui era presente 
anche Cinzia Bottene del Comitato No Dal Molin.

Quali possono essere, al di là di queste parole di circostanza, i modi per solidarizzare 
con Turi? Perchè un gesto come il suo possa diventare occasione di riflessione pubblica e 
stimolo a ripensare le forme della disobbedienza civile?
Dante Bedini
Treviso
> 
>   Mi è arrivata una email che considera sbagliato il gesto di Turi Vaccaro "perchè 
> compiuto in un ambito e secondo modalità che lo portano dritto in galera".
>   Io risponderei con due citazioni, tutt'e due a memoria.
>   La prima è di David Thoreau, l'autore del saggio sulla disobbedienza civile:
>   "In un sistema ingiusto il posto giusto per l'uomo giusto è il carcere".
>   La seconda è di Gandhi:
>   "Quando, per una causa, il 5% della popolazione è disposta a rischiare il carcere, 
> quella causa è vinta".
>   Che potrebbe anche voler dire: se nessuno è disposto a pagare un prezzo per una 
> causa, quella causa è sicuramente persa...
> 
> 
> 



------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/