[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

282° ora in silenzio per la pace



rete controg8
per la globalizzazione dei diritti

Mercoledì  24 ottobre dalle 18 alle 19, sui gradini del palazzo ducale di
Genova, duecentottantaduesima ora in silenzio per la pace.
Incollo di seguito il volantino che verrà distribuito


AZIENDE Eurofighter e basi, la Difesa va

Tutte le cifre delle spese militari nel dossier di Sbilanciamoci: il 41%
degli impianti Usa in Italia a carico del governo, via libera al progetto
F-35

Il rapporto di Sbilanciamoci, nel capitolo "Disarmare l'economia, costruire
la pace".ci segnala che la finanziaria 2008:

Prevede un aumento dell'11% delle spese militari rispetto al 2007 (oltre
due mld di euro). Aumento che ne segue uno precedente che ha riportato in
ottimo attivo le bilance del ministero della Difesa dopo i tagli del
governo Berlusconi.

Morale? L'Italia del centrosinistra spende di più nel capitolo militare che
in passato e di notizie buone nel settore ne può accampare solo una:
diminuiscono i tribunali militari.

Che la spesa militare nel mondo aumenti lo ha appena certificato lo
Stockholm international peace research institute (Sipri) di Stoccolma::

3,5% in più nel 2007, Per armarci, spendevamo 173 dollari a testa, adesso
184. Merito di Afghanistan e Iraq ma anche della grande paura del
terrorismo.

Malattia contagiosa e anche l'Italia ne risente

Dai 17.782 milioni di euro del 2006 si passa a 21.011 nel 2007 e a 23.352
nella finanziaria attuale

Così ripartiti:

115 milioni per le funzioni esterne,

230 per le pensioni provvisorie,

5.358 per i carabinieri,

15.224 a esercito, aeronautica e aviazione

Oltre la metà va in stipendi (59,5%), il 24,1% in investimenti (3.500
milioni circa in ammodernamento di mezzi e infrastrutture e 77 in ricerca)
e solo il 16,4% in "esercizio". Ma la spesa è ancora più alta di quanto non
appaia. Se gli aumenti degli stipendi si devono alla nascita dell'esercito
di carriera (quasi 200mila effettivi) altre spese non figurano a bilancio:
ad esempio il miliardo di euro per le missioni all'estero (19 in cui la
parte del leone tocca a Libano e Afghanistan).

Ma il documento fa le pulci anche al futuro.

155 milioni stanziati per le fregate Freem (fregate multimissione europee)

968 per gli intercettatori Eurofighter,

Oltre a ciò l'Italia si è incamminata - con una mossa abbastanza defilata e
poco pubblicizzata - nel progetto di costruzione del Joint Strike Fighter
(F-35), aereo da combattimento monomotore, velocissimo e con stive anche
per ordigni nucleari.

Dopo l'ultima informativa al parlamento del gennaio 2007 (senza che però vi
fosse alcun voto, nota Sbilanciamoci), la Difesa ha firmato negli Usa
l'accordo per passare alla fase iniziale di quello che è considerato il
"programma più costoso della storia della difesa americana", che non ha per
altro cifre certe: si è parlato di 275 miliardi di dollari per 2700
velivoli con costo unitario di 50/70 milioni.

L'Italia dovrebbe acquistare (e in parte partecipare alla costruzione) di
131 esemplari. Un'ipoteca sul futuro circondata da segreti e dubbi sulla
possibile lievitazione (in parte già avvenuta) dei prezzi.

Altro capitolo del dossier riguarda le basi militari straniere su suolo
italiano.

Oltre al dossier vicentino, Sbilanciamoci ricorda la presenza di 1.546
edifici posseduti dagli Usa che ne affittano altri 1.168 (2 mln di mq in
totale).

Il fatto è che il loro mantenimento compete però a noi con un contributo
alle spese del 41% (366,54 milioni di dollari).

"Ridiscutere la presenza di alcuni insediamenti nel nostro paese - conclude
Sbilanciamoci - comporterebbe un risparmio".

Tratto da "il manifesto "del 180ttobre 2007

Ogni mercoledì siamo qui in Piazza de Ferrari dalle 18 alle 19. –vieni e
siediti anche tu con noi